Un sogno chiamato Alfa Romeo

september 17, 2016  Matteo  Commenta

Il 2017 segnerà l'inizio di un vero e proprio Rinascimento per Alfa Romeo. Una stagione dorata che dovrebbe rilanciare lo storico produttore milanese in molti mercati chiave – in primis Nord America – e che nei piani del gruppo Fiat Chrysler si protrarrà fino al 2020 grazie all'uscita di alcuni modelli nuovi di zecca che andranno così ad aggiungersi all'ammiraglia Alfa Romeo Giulia, commercializzata nel secondo trimestre del 2016. A delineare i tratti di questa nuova, entusiasmante epoca per la casa del Biscione è un documento ufficiale di FCA, ovvero la presentazione agli investitori che il gruppo ha pubblicato negli scorsi giorni sul proprio sito. Il corposo dossier contiene infatti una mappa delle produzioni future che getta luce sui modelli con i quali FCA intende contendere agli storici competitor BMW, Audi e Mercedes il mercato automotive internazionale.

finanziamento alfa romeoChiave di volta del Rinascimento targato Alfa Romeo è naturalmente Giulia, la berlina sportiva della casa del Portello, che si accinge ad approdare a breve sul mercato nordamericano – dove intanto ha già incassato il premio “Star of the Show” in occasione del prestigioso Miami International Auto Show – e di cui Fiat Chrysler sta per presentare a Parigi la declinazione “Veloce”: un allestimento lussuoso e irripetibile, infarcito di stile e potenza. Acquistabile al prezzo di 50.500 già a partire dal 29 settembre, la Giulia Veloce si preannuncia come un'irresistibile e indomita “tigre da strada”. Merito dei due potenti e sofisticati motori in alliminio che ruggiscono sotto il cofano: il 2.0 Turbo benzina da duecentottanta cavalli e il 2.2 Diesel da duecentodieci. Progettata per convertire al verbo Alfa Romeo i seguaci delle BMW Serie 3 e delle Audi A4, la Giulia Veloce può contare su un'estetica bellissima e aggressiva, evidenziata dalle verniciature grigio Silverstone e blu Misano, sottolineata dagli inserti aerodinamici del telaio e illuminata dai formidabili fari allo xeno.

La Giulia Veloce vanta inoltre una trazione integrale Q4, una completa dotazione multimediale e avanzati sistemi di sicurezza come la frenata assistita e i sensori anti-collisione di nuova generazione. Ma quali saranno i nuovi veicoli che Fiat Chrysler commercializzerà a marchio Alfa Romeo tra il 2017 e il 2020? Nonostante ancora non esistano rendering o immagini dettagliate, è possibile formulare delle ipotesi. Uno di questi è certamente l'innovativo SUV Stelvio, il primo Sport Utility Vehicle nella storia della casa automobilistica del Biscione che tradurrà il DNA del marchio Alfa in un perfetto mix di versatilità ed eleganza. Proprio lo Stelvio sarà successivamente oggetto di due nuove declinazioni - sempre in chiave SUV - una di dimensioni più generose e una più contenuta e agile. Seguiranno quindi un'auto di tipo hatchback, un modello compatto che potrebbe sostituire la Giulietta e rivaleggiare con la Golf di casa Volkswagen; e un modello “speciale” che gli analisti riconducono all'iconica Alfa Romeo 4C: secondo alcuni, la mitica spider potrebbe addirittura giungere in versione completamente elettrica sulla falsariga della nota supercar ecologica americana Tesla.

Tutti i nuovi modelli Alfa Romeo offriranno naturalmente un condensato unico di stile e savoir-faire tipicamente italiani, rinnovando così i fasti di una leggenda che continua a rimanere impressa nell'immaginario collettivo. Se il futuro di Alfa Romeo appare un vero e proprio tripudio di fuochi d'artificio, anche il suo presente è d'altronde più che roseo, complice anche l'offerta di modelli che è possibile aggiudicarsi in modo conveniente e flessibile. Per farlo, basterà accedere al nuovo finanziamento predisposto da Alfa Romeo interagendo attraverso il portale commerciale di FCA Bank. Versatile e attento alle esigenze del consumatore, il finanziamento Alfa Romeo rappresenta la soluzione perfetta per chi desidera sedersi al volante di un'irresistibile bolide del marchio del Biscione minimizzando l'impatto sulle proprie finanze e realizzando così un investimento ottimale.